La nostra vacanza tra Bruges e Gand
19 Gennaio 2016 • POSTATO IN: MY LIFE
Per fortuna un viaggio a Bruges non comporta grandissimi sforzi in fatto di organizzazione perchè decidere di partire il 26 sera e partire effettivamente il 28 mattina non dà molto tempo per decidere cosa fare e cosa vedere.
Ma Bruges e Gand (emh..Gant...emh... Gent, ci sono un sacco di possibilità per chiamarla che non so mai quale lingua scegliere) sono paesini che si visitano in una giornata, non c'è da scervellarsi troppo e sono da girare così, senza meta per perdersi nei loro angoli più caratteristici tenendo giusto a mente le poche cose da non perdere.



Una volta atterrati all'aeroporto principale di Bruxelles, per arrivare a Bruges abbiamo preso un treno e ci abbiamo messo circa 1 oretta e mezza.
Prima di partire mi sono fatta una veloce ricerca in google e ho visto che in molti consigliavano di utilizzare il sito ufficiale delle ferrovie per creare il proprio intinerario di viaggio.
Essendo un periodo di feste e volendo utilizzare il treno anche per spostarci a Gand, non volevo rischiare che gli orari dei treni esposti in stazione fossero diversi da quelli effettivi, mi sono allora affidata a questo sito in cui ho creato il mio personale itinerario che mi è arrivato per mail in pochi secondi. I biglietti li abbiamo comprati tutti in stazione (che si trova proprio sotto l'aeroporto) e se avete meno di 26 anni come me chiedete il biglietto "Go pass 1" paghiamo quasi la metà, circa 11 euro a tratta!



L'hotel in cui alloggiavamo noi era l'hotel Loreto, in posizione centrale e a 10 minuti a piedi dalla stazione. L'hotel era proprio a due passi dal Minnewater, detto anche il lago degli innamorati, un laghetto circondato da un vasto parco e l'ideale per una tranquilla passeggiata.
Una volta arrivati al Minnewater abbiamo compreso come mai il cigno fosse uno dei simboli di Bruges, non ne avevo mai visti così tanti tutti insieme, e sì che abito sul lago.





Una volta qui abbiamo attraversato un ponticello (strano eh, a Bruges i ponti scarseggiano proprio!!!!) e ci siamo ritrovati in un luogo tranquillo e silezioso, il Begijnhof. Si tratta di un complesso di casette bianche in cui un tempo si ritrovavano le beghine di Bruges, ora ospita un monastero di monache benedettine.



Tra le cose da fare a Bruges mi ero segnata di salire sul Belfry, la torre medievale che si trova nel centro storico di Bruges (e che si ritrova anche a Gand), essa in passato ospitava il tesoro e gli archivi comunali. In Belgio e in Francia ci sono circa una cinquantina di torri campanarie che sono state inserite nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.
La coda per salirci non era molto lunga (fisicamente) ma in fatto di tempo sì, circa un'ora e mezza. Questo perchè c'è una sola scaletta a chiocciola di 366 scalini per arrivare in cima alla torre ed è la stessa da cui si sale e si scende.
La vista dalla cima è però spettacolare e ripaga l'attesa, poter vedere Bruges a 360° è una delle cose che non potevamo proprio perderci. Ci sono poi molti step durante la salita in cui è anche possibile vedere in funzione le campane della torre e un enorme carillon.





Visto che panorama?
Bruges è poi il paradiso del cioccolato, oltre che quello delle patatine, ci sono anche due musei a loro dedicati che però non abbiamo visitato, abbiamo optato per gustarci questi simboli in prima persona! ;P 
Le cioccolaterie infatti a Bruges proprio non mancano, ad ogni angolo ce n'è una e che profumi! Diciamo che il nostro tour delle cioccolaterie si è rivelato interessante... abbiamo visto tanto di quel cioccolato dalle forme più svariate e dai gusti più strani.
Siamo poi rimasti catturati da un negozietto di decorazioni natalizie in legno che era una piccola meraviglia! Peccato che era tutto abbastanza costosetto e pensare di addobbare un albero intero con quelle decorazioni... mmm mi fa correre in banca ad aprire un mutuo! Ma guardare non fa male a nessuno, giusto?





A proposito di negozi da non perdere ce n'è uno che vorrei segnalarvi e che mi è piaciuto un sacco, l'unico problema è che non trovo il suo nome su google, uff! So solo che si trova all'incrocio tra Sint Amandasstraat e Korte Zilvestraat. Si tratta di un negozietto di arredamento dallo stile nordico con ottimi prezzi, sarebbe infatti stato un vero affare riuscire a portare a casa qualcosina: porta candele, soprammobili, tazze, pouf... Mannaggia a me e alla mia valigia piena di maglioni.
Con una bella passeggiata ci siamo diretti poi a vedere una serie di mulini a vento che costeggiano il fiume, si trovano proprio ad una decina di minuti dal centro.





Il giorno seguente siamo partiti per Gand che si trova a soli 20 minuti di treno da Bruges. Fuori dalla stazione di Gand abbiamo poi preso un tram che in pochi minuti ci ha portati in centro. Tra le cose che è possibile visitare a Gand ci sono: il Castello Gravensteen (che noi abbiamo trovato chiuso perchè era il 31 dicembre, mea culpa...non avevo controllato!) e si trova anch'esso in centro, il Belfry e la Cattedrale di San Bavone che vi consiglio di non perdere: le spettacolari volte della navata, il gigantesco organo, la cripta... ci è piaciuto tutto!!





Anche a Gand è bello perdersi lungo i canali, girarla senza meta e...mangiare patatine fritte!!
Come mi aveva consigliato cognata-Marta (grazieeee!) non potete perdervi Frituur Jozef, si tratta di un carrettino che si trova in Vrijdagmarkt e sforna patatine fritte che sono la fine del mondo, per non parlare del ketchup... mai provato così buono!
Il mio ragazzo da quel momento in poi ha iniziato ad odiarmi perchè le ho finite tutte io, eheh... toglitemi tutto ma non le patatine fritte!







Gand by night non siamo riusciti a vederla, ma Bruges è bella quasi quanto di giorno, i suoi canali e le sue case restano meravigliose anche di sera.





Non potevo poi perdermi un piatto di "Moules et Frites", ogni menù infatti le riportava. Quelle che ho preso io erano al vino bianco, avrei dovuto contarle talmente erano tanto ed anche loro hanno fatto la fine delle patatine di prima... finite tuuuutte!!



Spero che il mio racconto vi sia piaciuto e spero di avervi convinti a fare un giretto da quelle parti, io era davvero da moltissimo tempo che volevo andarci e senza molto preavviso, ce l'ho fatta!
Raccontatemi anche voi se ci siete già stati, se vi è piaciuta e perchè no, i posti che vorreste visitare... io mi segno tutto, proprio tutto! ;)
A presto!







Aggiungi un commento



Nome (richiesto)

Email (nascosta, ma richiesta)

Sito web/blog (opzionale)

16 COMMENTI
[...] in italiano anche Guanto, sebbene ormai in disuso [...]

Fonte: Wikipedia
Marco il giorno 19/01/2016 alle ore 10:13 RISPONDI
L'avevo trovato anche io, saputello!
Daria il giorno 19/01/2016 alle ore 10:25
quindi saprai anche che gli inglesi la chiamano Ghent, gli spagnoli Gante e i giapponesi ヘント
Marco il giorno 19/01/2016 alle ore 10:32
:-D PARTIRO' TRA UN MESE ESATTO :-D
MI SEI STATA D'AIUTO :-D

http://lavaligiasempreprontadialice.jimdo.com/

Alice <3
Alice il giorno 19/01/2016 alle ore 10:54 RISPONDI
Mi fa moltissimo piacere Alice! Se hai qualche domanda..io sono qua!
Buonanotte!
Daria il giorno 19/01/2016 alle ore 22:50
Bellissimo racconto Daria!
Foto meravigliose...un post davvero interessante , anche perché è da anni che vorrei fare questo viaggio e rimando sempre , ma sono sempre più decisa tanto che pensavo di andarci questa primavera, sicuramente consulterò nuovamente il tuo post per organizzare al meglio il viaggio ,
Un abbraccio Ele
Elena il giorno 19/01/2016 alle ore 13:40 RISPONDI
Dai Ele, che bello!
Mi fa piacere esserti stata utile in qualche modo, devi farlo un giretto da queste parti...merita proprio!
Io fossi in te.. Andrei subito a prenotare! Eheh
Grazie per essere passara, ti auguro una buonanotte!!!
Daria il giorno 19/01/2016 alle ore 22:53
Bel post, belle foto..ma c'erano dubbi???Certo che no. Fosse per me partirei domani mi hai convinto, devono essere posti meravigliosi.Un abbraccio. Rossella
rossella il giorno 19/01/2016 alle ore 19:49 RISPONDI
Ma Ross, che dire?? Grazie, grazie davvero per le tue belle parole.
Mi fa davvero un enorme piacere essere riuscita a trasmettere con dei semplici scatti la bellezza di quei posti!
Un abbraccio a te!
Daria il giorno 19/01/2016 alle ore 22:57
Ciao Daria, complimenti per come riesci sempre ad esprimere con entusiasmo e simpatia le tue idee e le tue esperienze che siano viaggi o ricette o quant'altro. Per l'itinerario suggerito non mancherò di prenotare quanto prima. Mi hai convinta! Buona continuazione e un bacione🌷
Chiara il giorno 19/01/2016 alle ore 23:32 RISPONDI
Ma Chiarella grazie! che bello sentirsi dire queste cose, grazie!!
Prenota e non te ne pentirai, promesso!
Una buonanotte a te e grazie per essere passata!
Daria il giorno 20/01/2016 alle ore 23:00
Ho avuto il piacere di vivere a Bruxelles per un periodo della mia vita e ho il Belgio nel cuore! Queste bellissime immagini hanno risvegliato in me un pizzico di nostalgia! 😉 Complimenti per il blog! ☺️
#UnaBiondaPiccola il giorno 29/01/2016 alle ore 14:27 RISPONDI
Grazie Alessia, mi fa molto piacere che ti siano piaciute! Quanto sei rimasta a Bruxelles? Io non l'ho ancora visitata ma immagino meriti molto!
Buon pomeriggio,
Daria.
Daria il giorno 01/02/2016 alle ore 14:00
Ci ho vissuto per poco più di tre mesi. È davvero molto carina, piccola ma densa, e tanto tanto romantica! Insomma da visitare assolutamente! ;)
#UnaBiondaPiccola il giorno 04/02/2016 alle ore 09:27
Thanku for ur comment and Followed u on fb and g+ =)
beautorgeousworld il giorno 17/03/2016 alle ore 23:37 RISPONDI
che belle queste foto.. e che voglia emttono queste Moules et Frites..non sono mai stata in belgio ma roa so cosa non dovrò perdermi nel caso di una visita!
roberta il giorno 16/04/2016 alle ore 20:32 RISPONDI
Siete alle prese con la valigia per il mare? Ecco 5 capi e accessori che non potete non portare con voi in vacanza.
Un weekend trascorso tra distese di girasoli, di ulivi e vigne. Le meraviglie che ci regala l'Umbria.
I miei cinque desideri nel cassetto. Quello a cui tengo di più? L'ultimo! Venite a scoprirli...
Qualche consiglio per una gita sul Lago di Como: cosa vedere a Bellagio.
Qualche consiglio per dare un tocco di originalità ad una normalissima parete bianca. Curiosi? Venite a leggere!
Una piccola selezione degli acquisti che ho fatto e di quelli che vorrei fare
Continua la mia rubrica sui consigli del weekend, questa volta la nostra meta è stata il Lago Palù e lo abbiamo raggiunto con le ciaspole!
Una nuova giornata da ricordare, con questo vi porto con noi in Engadina, nella stupenda Val Roseg.
Vi porto con me nel nuovo punto vendita de "Le Botteghe di Leonardo" di Milano... un nuovo posticino del cuore che ho aggiunto alla mia lista.
Se anche voi, come me, quando si avvicina il Natale siete a corto di idee, ecco un post che potrà tornarvi utile!!
New York è davvero una città che ti rimane nel cuore. Particolare ed unica. Nel post vi racconto quali sono i posti che non potete proprio perdervi!
Una calda giornata autunnale in Svizzera. Vi portò con me al Lago di Saoseo e della Val Viola.